[vc_row full_width=”stretch_row_content”][vc_column]

[/vc_column][/vc_row][vc_row css=”.vc_custom_1587919386776{margin-bottom: 10px !important;}”][vc_column]
Federico Caputo
[vc_empty_space][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_single_image image=”20685″ img_size=”200×200″ alignment=”center” style=”vc_box_circle_2″][/vc_column][/vc_row][vc_row css=”.vc_custom_1588069335840{margin-left: 100px !important;}”][vc_column css=”.vc_custom_1588065132093{margin-top: 10px !important;margin-bottom: 10px !important;}” offset=”vc_hidden-lg vc_hidden-md vc_hidden-sm vc_col-xs-6″][vc_row_inner][vc_column_inner width=”1/2″ offset=”vc_col-xs-6″]
[/vc_column_inner][vc_column_inner width=”1/2″ offset=”vc_col-xs-6″]
[/vc_column_inner][/vc_row_inner][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”1/4″][/vc_column][vc_column width=”1/2″ offset=”vc_hidden-xs”][vc_row_inner][vc_column_inner width=”1/2″ offset=”vc_col-xs-6″]
[/vc_column_inner][vc_column_inner width=”1/2″ offset=”vc_col-xs-6″]
[/vc_column_inner][/vc_row_inner][/vc_column][vc_column width=”1/4″][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”1/4″ offset=”vc_hidden-xs”][/vc_column][vc_column width=”1/2″][vc_column_text]

Classe 1995. Sono un artista concreto in costante ricerca del mio “io” passato, e presente.

[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/4″ offset=”vc_hidden-xs”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”1/6″ offset=”vc_hidden-xs”][/vc_column][vc_column width=”2/3″]

B I O
[vc_column_text]

ISTRUZIONE:

Luglio 2014 – Diploma Liceo Artistico Ego Bianchi di Cuneo (indirizzo grafico)

Settembre 2018 – Laurea triennale in Pittura, Accademia Albertina di Torino

Attuale – Accademia Albertina di Torino (I° anno magistrale, indirizzo pittura)

ESPOSIZIONI DI GRUPPO:

2016 – “Here” Cavallerizza Reale, Torino, Italy

2017 – “Dark Fantasy” Via Tiziano 3, Torino, Italy

2017 – “Dark Fantasy 2” Comodo 64, Torino, Italy

2018 – “Voce” Kspaces, Torino, Italy

2018 – “The Store” Kspaces, Torino, Italy

Il mio processo artistico segue una duplice ricerca:

La prima è un’indagine costante sui materiali basata sulla sperimentazione di fibre, trame naturali e artificiali, mantenendo come punto di riferimento il ricamo tradizionale;

La seconda è una profonda ricerca del mio “io” passato e presente riflesso su ciò chemi circondava e mi circonda, concretizzato in figure e oggetti popolari di quest’epoca.

Come molti altri artisti del Novecento, il mio lavoro è un punto di approdo che mi ha portato ad abbandonare la pittura in favore della sperimentazione nel ricamo, trasformando molti miei dipinti e disegni in ricami su stoffa o su plastica.

La mia ricerca in questo senso si differenzia da quella di artisti del calibro di Alighiero Boetti e, ancora prima, di Giacomo Balla e di Fortunato Depero; essi affrontavano il processo concettualmente, cioè progettando e disegnando per delegare poi a terzi la realizzazione delle opere.

Io sono un artista concreto.

La scelta di utilizzare il ricamo nelle mie opere deriva da una tradizione familiare partita da mia nonna, passando poi per mia madre e mio zio; in particolare è stata mia madre a trasmettermi quest’attitudine. 

[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/6″ offset=”vc_hidden-xs”][/vc_column][/vc_row]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment